Dietista, NON Dietologo

Attenzione: apre in una nuova finestra. PDFStampaE-mail

Che differenza c’e’?Sicuramente il corso di studi,il dietologo è un medico,entrambi siamo sotto Medicina e Chirurgia

 Ai fini pratici la differenza piu grossa e’ che il dietologo in quanto medico,può prescrivere ricette mediche e perciò farmaci,cosa che il dietista non può fare a parte che solo per una particolare categoria di prodotti.
Quello forse che lo distingue dal dietologo è proprio il fatto che, non potendo e non volendo ricorrere alle medicine,focalizza e rivolge le sue nozioni insegnando le nozioni di una corretta e sana alimentazione
Il punto focale di un dietista è quello di insegnare al paziente,di renderlo partecipe della cura o terapia che andrà ad affrontare,dei vari processi e meccanismi secondo i quali si può ingrassare o perdere peso,fargli scoprire alimenti e prodotti nuovi,spiegare l’inefficacia di tanti prodotti dimagranti e tanti altri aspetti.
Il suo obbiettivo perciò è insegnare a mangiare,cosa sia giusto e cosa sbagliato sia dal lato quantitativo che qualitativo,di come non ci si debba privare di alcun alimento,di come si possa mangiare senza pensieri qualsiasi cosa concedendosi anche “sgarri” settimanali,di come sia sbagliato digiunare o mangiare poco….. insomma un quadro generale su tutto il mondo della nutrizione.
Entrando su un piano più personale,posso dire che mi avvalgo di strumentazioni che forse in altri studi o centri non vengono prese in considerazione.
Di solito infatti viene prescritto l’esame,qualunque esso sia,far rivolgere il paziente a qualche ospedale ,centro medico privato o asl, con magari un attesa di settimane se non mesi per poi ripresentarsi nuovamente dal medico o dal centro che sia,sprecando cosi’ una notevole quantita’ di tempo.
Linea di pensiero del dietista è invece quella di voler ottenere già dalla prima visita con il paziente il maggior numero di informazioni (sul peso,sulle misure,SUL METABOLISMO,etc….) ragion per cui mi avvalgo di strumentazioni (vedi sezione STRUMENTAZIONI) che mi permettono di ottenere valori per stimare subito un piano alimentare ideale,risparmiando tempo prezioso e riuscendo a far iniziare la dieta nel giro di pochi giorni.
Il fatto di possedere un'altra laurea ISEF mi permette, inoltre, di avere una più ampia e chiara visione di tutti quei casi in cui chiunque volesse affiancare alimentazione con attività fisica,binomio a parer mio inscindibile(espressione presa dalla mia ultima tesi!) che permette di avvalersi di nozioni sotto il punto di vista nutrizionale e nello stesso momento valorizzare anche il proprio aspetto fisico,spiegando quanto sia stretto il legame fra questi due mondi.

“Siamo quello che mangiamo” diceva un detto, i nostri errori o meriti quando mangiamo si rispecchiano su quello che poi vedremo allo specchio,errori o meriti che possono essere vanificati o valorizzati dal movimento che decidiamo di abbinare loro, rendendoci consci e consapevoli di come il nostro corpo sia in un continuo “conflitto” fra ciò che facciamo e ciò che ingeriamo,e riuscendo solo col tempo e la costanza, ad arrivare ad un equilibrio sia fisiologico che psicologico attraverso il quale l’alimentazione e attività fisica diventano uno stile di vita ottimale e non un periodo di passaggio mirato alla sola diminuzione del peso.